Australia - Part 3: The Great Ocean Road

by - 10:13

"...da una parte le ripide, boscose colline semitropicali della Otway range, che si tuffavano direttamente nel mare, dall'altra le onde schiumose che rotolavano su lunghe spiagge curve incorniciate alle due estremità da affioramenti rocciosi."

- In un paese bruciato dal sole. L'Australia. - Bill Bryson 



Ci svegliamo presto per iniziare il nostro viaggio on the road.
Qui guidano dalla parte sbagliata della strada a sinistra, decidiamo quindi di partire quando la città è ancora assonnata, che bisogna prenderci la mano.

La signora dell'autonoleggio ci spiega la via più facile per uscire da Melbourne, al primo incrocio l'interista si guarda intorno e.. "ma da dove arrivano?", poi diventa più facile.



Un'oretta di auto (semplice, diritta) e arriviamo a Torquay, l'inizio di una delle strade panoramiche più famose del pianeta. Great Ocean Road. 243 Km di curve a picco sull'oceano, da Torquay a Warnambool.




La prima tappa è Bells Beach, il sogno di ogni surfista, la spiaggia di Point Break, che ogni anno ospita il "Rip Curl Pro".


In realtà è la spiaggia che viene nominata nella scena finale di Point Break, ma la scena è stata girata negli Stati Uniti, non qui.

L'acqua è piena di surfisti, il parcheggio di Jeep ultimo modello e di ragazzi e ragazze dai fisici statuari, a piedi nudi con indosso la muta e la tavola sotto braccio.

Pareva di stare in un film.


La Lonely ci consiglia la tappa a Kennett River, ci fermiamo e troviamo alberi pieni di koala che dormicchiano e pappagalli dai mille colori.


Scopriremo che i koala dormono un sacco.
Mangiano eucalipto e dormono.


Ci fermiamo per pranzo ad Apollo Bay e, dopo un hamburger, proseguiamo per il Cape Otway National Park.


Il cape Otway Lighthouse è il faro più antico dell'Australia, è da qui che transitavano le navi europee ed è qui che i migranti avevano le prime immagini del continente.

Dall'alto regala delle immagini fenomenali della costa.


Il parco ha anche un piccolo museo, una stazione del telegrafo e un bunker anti radar della seconda guerra mondiale.
Sulla cartina fornita vediamo l'immagine di canguri ma, molto sinceramente, ci spiegano che son difficilissimi da vedere. Sono animali notturni, mica se ne vanno in giro saltellando durante il giorno tra i turisti. 

Le sorprese non sono finite e, appena ripartiamo, su un alberello...


video

E' incredibile come, dal cielo azzurrissimo, si passi all'umida pioggerellina della foresta pluviale.


Avremmo voluto fermarci ad ogni curva, riempirci gli occhi di tanta bellezza e, semplicemente, respirare. Non c'è angolo che non regali un'emozione, non c'è curva che non regali un nuovo panorama.


Dell'emozione che mi hanno dato i 12 apostoli avevo già detto qui.


Capisco la gente "appostata" per fotografare il tramonto, o il cambio di luce. Capisco il voler catturare l'attimo. Anche se nessuna foto renderà mai l'idea dello spettacolo della natura.


Scendere i gibson steps e trovarmi sula spiaggia rossa, le alte scogliere da una parte e il mare in burrasca dall'altra, mi ha tolto il fiato.



La bellezza dell'istante e il profumo di sale.
Il sole che tramonta sui faraglioni, il vento fortissimo e il rumore dell'oceano.

Il sole tramonta, la strada diventa buia di un buio mai visto, adesso si che bisogna stare attenti ai canguri. Ricordo due occhi gialli che appaiono nel buio, poi spariscono. Ma siamo stati fortunati, non abbiamo investito nessun animale. In questo nero che più nero non si può raggiungiamo Warnambool, la Great Ocean Road è finita.

You May Also Like

10 commenti

  1. Davvero un bellissimo posto, che le foto non gli rendono giustizia ma va bene lo stesso ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per niente.
      Tutta la GOT è favolosa.

      Elimina
  2. Risposte
    1. Ma va...ti do qualche dritta, sia mai che il prossimo viaggio...

      Elimina
  3. Che meraviglia , sono stata molti anni fa in questo paradiso a trovare un'amica che era partita per lavorare all'estero come esperienza personale e non è più tornata. Si capisce perchè vero amica mia? Con queste bellezze chi ha il coraggio di tornare?
    Bacio serale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto bene. E' un paradiso.
      Ci sono un sacco di posti da pelle d'oca, dove la natura la fa da padrona.
      Il mondo è grande e non so se riuscirò a tornarci, ma è stato un viaggio incredibile e mi piacerebbe...

      Elimina
  4. Mi hai fatto venire la pelle d'oca! Dev'essere stata un'esperienza pazzesca. Se la descrizione e le foto non rendono giustizia a quello che hai visto non oso immaginare che emozione sia stata per te un viaggio del genere! Pazzesco a dir poco! Mi hai fatto venire una gran voglia di partire! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stato un viaggio incredibile.
      Credo sia possibile rendere davvero giustizia a quello che ho visto, ma di sicuro è una meta che consiglierei :)

      Elimina
  5. Oh i koala, li vorrei accarezzare!😍 E amo anche i canguri anche se sono un po' violenti 😂 bellissime foto!😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora, io il koala l'ho accarezzato ma attenzione, sono animali selvatici e, nello specifico, non essendo nello zoo credo gli abbia dato fastidio (l'ho proprio sfiorato perchè ero curiosa).
      I canguri invece, zoo a parte, non si fanno proprio avvicinare...

      Elimina